Brasileirão, Gre-Nal nerazzurro: Douglas spedisce all’inferno l’Internacional

(credito: esporte.uol.com.br)
(credito: esporte.uol.com.br)
(credito: esporte.uol.com.br)

Quattro squadre in tre punti e un prosieguo di torneo tutto da vivere. Il Brasileirão entra nel vivo e regala emozioni forti anche dopo l’intenso turno infrasettimanale. In attesa del posticipo di questa notte, in cui la capolista Palmeiras sarà di scena sul campo dello Sport Recife, il Corinthians aggancia il primo posto travolgendo il malcapitato Flamengo davanti ai propri tifosi. Ma il piatto forte di giornata era il Gre-Nal numero 410, vinto in trasferta dai nerazzurri.

CRISI COLORADO Quattro sconfitte ed un solo punto nelle ultime cinque. L’Internacional esce per la prima volta dal G4 ed entra ufficialmente in crisi profonda. A spedire il Colorado di Argel Fucks all’inferno ci pensano gli acerrimi rivali cittadini del Gremio. Al Beira-Rio è un gol del solito Douglas – al terzo centro stagionale – a decidere un derby tirato e soprattutto nervoso, al termine del quale si conteranno addirittura nove cartellini gialli. La partita, da buon derby, non è indimenticabile, ed anzi per vedere qualche emozione bisogna aspettare gli strappi dei giocatori più rappresentativi. Nel primo tempo meglio il Gremio, che in un paio di occasioni impegna Muriel con Giuliano e Luan, con in mezzo l’assolo personale da cui nasce il vantaggio di Douglas. Nella ripresa, il Colorado si fa più intraprendente, Fucks si gioca perfino la carta Valdivia (a proposito, ben tornato), ma gli assalti alla porta di Marcelo Grohe non producono il tanto agognato pareggio. Al fischio finale scatta la contestazione della tifoseria di casa: “Sono dispiaciuto – ha detto Fucks – ci abbiamo provato ma paghiamo troppe disattenzioni difensive“. Dall’altra parte invece la missione è completata: tre punti, terzo posto, e Internacional spedito in basso.

POTENZA PAULISTA In attesa del Palmeiras, sono Corinthians e Santos a dare le risposte migliori sul campo, portando a tre le squadre pauliste nelle prime quattro posizioni della classifica. Il Timão pare non aver incassato il colpo nel cambio tra Tite e Cristovão, e all’Arena si sbarazza agevolmente di un irriconoscibile Flamengo. Contro i rubronegros è Angél Romero il protagonista della serata; l’esterno paraguayano, dopo un primo tempo finito a reti bianche, si prende in spalla la squadra aprendo e chiudendo i conti tra il 59° e l’89° minuto di gioco, mettendoci in mezzo anche l’assist per Rildo. Di Guilherme la quarta segnatura bianconera. A Vila Belmiro il Santos spazza via la Chapecoense con un rotondo 3-0; ad essere decisiva – anche qui – è la ripresa, con il Peixe che apre i conti grazie a Rodrigão (molto bello l’assist di Copete) e raddoppia con lo stesso attaccante colombiano. Di Yuri Oliveira il gol definitivo. Nello Stato di San Paolo, perciò, piange solo il Tricolór di Bauza, in formazione rimaneggiata per via dell’imminente semifinale di Libertadores. A Campinas è Clayson a regalare tre punti, fondamentali, ad una generosa Ponte Preta.

RIPRESA FOGÃO – Con due vittorie nelle ultime tre il Botafogo esce – almeno momentaneamente – dalla zona paludosa della classifica. A Rio de Janeiro il Fogão batte 2-1 il Santa Cruz (quinto stop di fila), risolvendo la contesa nei primi venti minuti grazie alle reti di Sassá e Neilton. Di João Paulo il gol catarinense. Un gol di Nikão, con complicità del portiere ospite, risolve Atletico-PR – America-MG: Furação ora sesto, verdinegros ultimi. Tre sono invece i pareggi di giornata, in cui spicca il 2-2 tra Cruzeiro e Vitoria. La Raposa parte bene e ne segna due in avvio (Alisson e De Arrascaeta), ma nonostante l’inferiorità numerica, il Vitoria trova il pari grazie a Diego Renan e Vander. Fluminense e Coritiba non si fanno male impattando a reti bianche, mentre il botta e risposta tra Figueirense e Atletico-MG porta le firme di Fred e Gustavo Ermel.

RISULTATI E CLASSIFICA