Brasileirão, è la svolta: Corinthians al comando in solitaria

Potrebbe essere stata decisiva la 35^ giornata della Série A: Vasco bloccato sul pari dal Palmeiras, Corinthians vincente in casa del Ceará e +2 in classifica. Rocambolesca vittoria per il Flu, che è terzo e può ancora sperare; in coda successi per Atlético PR e América (sul Botafogo), Avaí al passo d’addio.

 

Ramirez decisivo nel Corinthians (Lance!net)

Forse non la si attendeva proprio per questa giornata, ma infine è arrivata: il mercoledì di Série A ha dato una svolta alla corsa al titolo, con il Corinthians al comando in solitaria in forza del pareggio ottenuto dal Vasco sul campo del Palmeiras. Due sono i punti di vantaggio del Timão sugli inseguitori, una miseria, ma l’impatto psicologico di essere finalmente l’unica primatista potrebbe essere decisivo. Alle spalle della coppia insegue il Fluminense, autore di un pazzesco 5-4 sul Grêmio con poker di Fred, unica altra squadra ancora in lizza per il titolo aspettando il risultato odierno del Figueirense.

In coda la situazione è sempre più magmatica: América Mineiro e Atlético Paranaense battono rispettivamente Botafogo e São Paulo, facendo saltare ad entrambe gli obiettivi stagionali; il Ceará, battuto in casa dal Corinthians, è terz’ultimo ma ancora a portata di salvezza, mentre l’Avaí, 0-0 con il Cruzeiro, è sostanzialmente retrocesso.

IL PESO DI UN GOL – Risultati quasi identici per Corinthians e Vasco da Gama: la differenza, pesantissima, sta in un solo gol. 1-0 il successo corinziano sul campo del Ceará, 1-1 per il Vasco da Gama su quello del Palmeiras: tanto basta perché ora, a tre turni dal termine, ci siano due punti tra prima e seconda in classifica. Eppure al Pacaembu tutto sembra mettersi per il meglio per il Gigante: dopo soli 4′ Dedé firma l’ennesimo gol stagionale (dodicesimo, per l’esattezza) con uno dei suoi imperiosi stacchi di testa sugli sviluppi di un corner. Poi però qualcosa cambia: il Verdão non è la stessa brutta squadra vista recentemente, e se la gioca a viso aperto finché, al 63′, Luan risolve a suo favore una mischia in area di rigore, firmando il pareggio. Impresa quasi riuscita anche al Ceará, capace di far sudare il Corinthians sino all’81’: i padroni di casa giocano addirittura meglio degli avversari, sia prima che dopo il gol di Ramirez (naturalmente su azione di contropiede), ma non riescono a trovare il gol che avrebbe cambiato i destini propri e del campionato, anche per la super serata di Julio César.

FULMINI, SAETTE E FRED – Che partita all’Engenhão! Emozioni a non finire tra Fluminense e Grêmio, partita che termina addirittura 5-4 tenendo in vita le speranze-scudetto carioca. Grande matador della serata, come sempre, Fred: l’attaccante segna quattro reti, avvicinandosi sempre più minacciosamente alla prima posizione in classifica marcatori di Borges, intoccabile sino a qualche tempo fa. La goleada comincia al 16′: uscita assolutamente fuori tempo di Cavalieri, palla a Rafael Marques che deve solo toccarla verso la linea di porta. Dopo la traversa di Leandro Euzébio (19′) arriva il primo gol di Fred, un colpo di testa preciso al 24′. Al 31′ altra traversa, stavolta gremista, colpita da Brandão, poi allo scadere ospiti di nuovo avanti grazie a Marquinhos; al 52′ nuovo pari di Fred, con un movimento da vero bomber. Al 62′ carioca in vantaggio: Sobis realizza il 3-2 con un gran destro dal limite. La contro-rimonta gremista non si fa comunque attendere: tra il 72′ ed il 74′ Brandão e Adilson Warken portano gli ospiti sul 4-3, splendido il gol del mediano. 4-4 al 78′: rigore procurato da Carlinhos e trasformato da Fred, che completa la sua serata magica firmando il definitivo 5-4 tre minuti dopo approfittando di un errore della difesa. Il successo tiene il Fluminense ancora in corsa per il titolo, anche se con cinque punti di ritardo: impresa difficile, ma non impossibile.

LA SITUAZIONE A FONDOCLASSIFICA – La 35^ giornata sancisce di fatto anche la prima retrocessione: con otto punti di ritardo e tre gare ancora da giocarsi la situazione dell’Avaí aspetta solo conferme matematiche, che non dovrebbero tardare più di tre giorni. Al contrario sembra lanciatissima verso la salvezza l’América Mineiro: il 2-1 sul Botafogo, oltre a rappresentare la fine della corsa al titolo per i bianconeri, è la terza vittoria consecutiva, tutte contro squadre d’alta classifica e tutte con lo stesso punteggio; il Coelho ha oggi 34 punti, quattro meno del Cruzeiro quint’ultimo e bloccato sullo 0-0 nello scontro diretto con l’Avaí. Vince anche l’Atlético Paranaense, 1-0 sul São Paulo grazie a Guerrón e salvezza ad un solo punto. Alla luce di questi risultati tornano a rischiare gli Atlético Mineiro e Goianiense, in campo stasera, e pure il Bahia, battuto 1-0 dall’Internacional grazie al gol in avvio del semi-debuttante Gilberto.

 

RISULTATI E PROGRAMMA: Fluminense – Grêmio 5-4; Atlético PR – São Paulo 1-0; Internacional – Bahia 1-0; América – Botafogo 2-1; Palmeiras – Vasco da Gama 1-1; Avaí – Cruzeiro 0-0; Ceará – Corinthians 0-1; oggi, ore 20.30 (23.30 IT) Santos – Atlético GO, Flamengo – Figueirense, Atlético MG – Coritiba.

CLASSIFICA (vedi tabella completa): Corinthians 64 Vasco da Gama 62; Fluminense 59; Figueirense* 56; Botafogo, Flamengo* 55; Internacional 54; São Paulo 53; Coritiba*, Santos* 51; Grêmio 47; Palmeiras 43; Atlético GO*, Bahia 42; Atlético MG* 39; Cruzeiro 38; Atlético PR 37; Ceará 35; América MG 34; Avaí 30.

* una partita in meno