Brasile: tornano Bahia, Coritiba, Figueirense e la sorpresa America Mineiro

E’tempo di verdetti in Brasile!

In attesa della quarta retrocessione dal Brasileirao alla serie B, che uscirà domenica sera dal match tra Vitoria ed Atletico Goianense, andiamo a conoscere le quattro squadre che sostituiranno, nel 2011, Guaranì, Avaì e Gremio Prudente.

Dopo un solo anno di purgatorio, il Coritiba ritorna in massima serie vincendo il campionato di seconda divisione, in maniera decisamente netta, col maggior numero di vittorie ed il minor numero di sconfitte.

Sembrano passati secoli dal dramma sportivo della scorsa stagione, quando nello scontro salvezza (tra le mura amiche) il Coritiba perse col Fluminense e permise, proprio al Flu, di raggiungere un’insperata salvezza; il merito va tutto all’allenatore Oliveira che ha rilanciato il club, ridando le motivazioni necessarie ai suoi giocatori per affrontare al meglio un campionato difficilissimo.

Un apporto importante lo ha dato inoltre il bomber Rafinha, con 10 reti, che ha accettato la sfida propostagli  dopo aver vestito le maglie di Paranà, Goias e Sao Caetano.

A braccetto col Coritiba troviamo un’altra squadra che ritorna nel calcio che conta, dopo soli 2 anni: il Figueirense.

Una promozione meritata, raggiunta a sorpresa dato che c’erano squadre che, sulla carta, erano ben più attrezzate e, soprattutto, suggellata dalla retrocessione dei cugini dell’Avaì.

A Florianopolis sognano in grande, nel prossimo torneo Catarinense vedremo se e come la società opererà, in modo da avere un quadro chiaro della situazione alla vigilia del Brasileirao 2011.

Ritorno gradito anche quello del Bahia, trascinato dai gol del bomber Adriano.

Una piazza che negli ultimi anni ha dovuto fare conti con problemi societari oltre, in campo statale, all’affermazione sempre più dura del Vitoria, squadra con la quale condivide la città.

La sorpresa si chiama America Mineiro, che agganciando il quarto posto a poche giornate dalla fine, a spese del Portuguesa, raggiunge i concittadini dell’Atletico MG, reduci da un campionato sottotono.

Capitolo retrocessioni: fanno male quelle dell’Ipatinga (2 stagioni fa in massima serie)e soprattutto, quella del Santo Andrè, inaspettata, data la bella figura fatta nel Paulistào perso in finale col Santos.

C’è da dire che, ad inizio stagione, la squadra di San Paolo si è dovuta privare dei due giocatori di maggior talento, Romùlo e Rodriguinho, non adeguatamente sostituiti.

Accompagnano Santo Andrè ed Ipatinga in Serie C, la matricola Brasiliense e la sempre più inguaiata America di Rio Natàl.