Brasile, mercato bollente: tornano Doni e Tardelli, Casemiro al Real Madrid, Felipe Anderson e Mattheus: niente Italia

Quella passata è stata una giornata bollente dal punto di vista del calciomercato, in Brasile. Complice la chiusura di molti mercati europei (alcuni alle 19, altri a mezzanotte), i colpi, i tentativi di ingaggi e le bufale sull’asse Europa – Brasile sono stati moltissimi. Cerchiamo di riassumere i movimenti più importanti portati a termine e sfiorati.

Diego Tardelli torna al Galo
Diego Tardelli torna al Galo

Cominciamo dai ritorni in patria, due quelli da segnalare. Il primo è Doniéber Alexander Marangão, in arte Doni, portiere conosciuto in Italia per aver giocato con la Roma. La sua avventura al Liverpool è terminata a 33 anni dopo sole quattro presenze in due anni; ad accoglierlo è stato il Botafogo-SP, ovvero non la famosa società di Rio de Janeiro, bensì il meno noto club di Ribeirão Preto; che sta disputando la prima divisione del campionato paulista. Il secondo ritorno in Brasile è ben più eccellente e porta il nome di Diego Tardelli: l’attaccante, da tempo ri-accostato all’Atlético Mineiro, è riuscito a convincere la dirigenza dell’Al-Gharafa (Qatar) a lasciarlo libero di accordarsi col Galo; nella serata di ieri il team medio-orientale aveva già annunciato tramite Twitter che la punta centrale era in partenza. Sicuramente un bel regalo ai tifosi di Belo Horizonte, in vista della Libertadores.

Casemiro, 20 anni
Casemiro, 20 anni

Movimento eccellente anche in casa del San Paolo. Con un’operazione lampo, il Real Madrid ha strappato il ‘sì’ per Casemiro, ingaggiandolo in prestito fino a giugno, per poi riscattarlo definitivamente in estate. Il centrocampista centrale, nazionale verdeoro, ha colto al volo l’occasione, dal momento che ultimamente faticava a ritagliarsi spazio nello scacchiere tattico disegnato da Ney Franco. Il giocatore classe 1992 sarà momentaneamente aggregato al Real Madrid Castilla (la squadra ‘B’, che milita nella seconda divisione spagnola), per dare la possibilità allo stesso di ritrovare il ritmo partita e una forma fisica adatta a combattere per un posto da titolare in prima squadra, agli ordini di Mourinho. Sul mediano c’erano stati molti sondaggi anche dall’Italia, con Lazio e Roma sempre molto interessate al giocatore, che ha invece preferito il fascino della capitale spagnola come sua prima avventura europea.

Felipe Anderson, colpo sfumato della Lazio
Felipe Anderson, colpo sfumato della Lazio

Due talenti brasiliani hanno invece solamente sfiorato il nostro Paese. Stiamo parlando di Mattheus e Felipe Anderson. Il primo è stato chiesto in extremis dalla Juventus, alla ricerca di un centrocampista offensivo di grandi prospettive, ma l’affare non è andato in porto. Il calciatore, 18 anni, avrebbe anche accettato la destinazione torinese, ma il Flamengo ha bloccato la trattativa perché non soddisfatto dalle modalità di pagamento della Vecchia Signora: Marotta, ds juventino, aveva proposto il pagamento di un milione di euro subito e della stessa cifra solo al raggiungimento di un certo numero di partite con la maglia bianconera. Bebeto, padre del giovane, non vuole che il figlio rinnovi con la società di Rio al termine di questo 2013 e probabilmente il suo arrivo in Italia avverrà tra un anno.
Discorso diverso per Felipe Anderson. Il 19enne del Santos era già stato acquistato dalla Lazio, secondo quanto annunciato da Igli Tare, ds capitolino, a venti minuti dalla scadenza del mercato; salvo poi ritrattare quanto dichiarato poco prima, accusando la società brasiliana di non aver spedito in tempo il documento necessario a formalizzare il passaggio in biancoceleste del trequartista nato a Brasilia. L’accordo era stato trovato sulla base di 7,5 milioni di euro più una percentuale di guadagno sulla futura vendita del giocatore. In questo caso, si pensa che il trasferimento dovrà tardare di sei mesi.

Infine, ecco la situazione di Leandro Damião, ogni finestra di mercato in procinto di sbarcare in Europa, ma sempre saldamente con la maglia del Colorado. Il Tottenham ha fatto, a più riprese, tentativi importanti in questa sessione, ma ha sempre trovato l’opposizione della dirigenza dell’Internacional e il rifiuto dell’attaccante della Nazionale brasiliana, che considererà l’eventualità europea solo a partire da giugno. Questa volta, la cifra dell’offerta rifiutata era di 17 milioni di sterline.