Bolivia, l’Oriente Petrolero saluta Mojica: accordo in Arabia

La migrazione di alcuni talenti sudamericani, o sedicenti tali, verso i campionati più esotici del mondo non risparmia neanche la massima divisione boliviana.
Società cinesi, arabe, qatariote o malesi possono ovviamente garantire salari decisamente più importanti rispetto a certe squadre del Sudamerica e, nella fattispecie, lo stipendio di un calciatore in Bolivia non è paragonabile a quello offerto, ad esempio, da un team della Saudi Professional League.

Gualberto Mojica, 29 anni

Silvio Fontana, procuratore, ha confermato la prossima partenza del suo assistito Gualberto Mojica, centrocampista centrale in forza all’Oriente Petrolero: “Gualberto ha già firmato un precontratto con il Najran ed entro pochi giorni sistemeremo i rimanenti dettagli“.
Il 29enne di Santa Cruz de la Sierra, dunque, si trasferirà nel campionato arabo, agli ordini di Nizar Mahrous, per il prossimo anno.
Ancora da svelare, infatti, se l’accordo sia stato trovato sulla base di un prestito annuale con diritto di riscatto (fissato intorno ai 500mila euro) o di una cessione definitiva.
Mojica, 23 presenze e 3 reti con la nazionale boliviana, era tornato all’Oriente Petrolero in gennaio, dopo l’esperienza con i cinesi del CQ Lifan. Nel corso della carriera, ha vestito anche le maglie di Petrolul Ploiesti e Cluj (Romania), Blooming e Wilstermann (Bolivia) e del Paços Ferreira (Portogallo).

Fontana ha voluto anche soffermarsi sulla situazione legata ad Alcides Peña, centravanti classe 1989, anch’egli legato all’Oriente. Pochi giorni fa sembrava ormai cosa fatta il suo trasferimento al The Strongest, che ha subito un’improvvisa frenata per l’inserimento del Bolivar. Entro pochi giorni, tuttavia, il futuro del nazionale boliviano sarà chiarito: certa, in ogni caso, la sua partenza dai Refineros.