Argentina – Tonfo del Racing nell’esordio casalingo, vince il Velez di Caraglio

IMG

Prime partite e prime sorprese. Ma ormai siamo abituati a questo genere di cose in Argentina, dove i pronostici vengono scritti proprio per il buon gusto di essere completamente soverchiati. Capita così che il Racing campione in carica venga battuto clamorosamente (sì, è il caso di dirlo) tra le mura a miche da un Rosario Central attento e organizzato, che in generale non ha rubato nulla approfittando di una grave amnesia difensiva della difesa racinguista. Nell’altro incontro il Velez riporta subito sulla terra il neopromosso Aldosivi: 2-0, addirittura sotto di un uomo, e la consapevolezza per il Tiburon che quest’anno ci sarà da penare.

“FRACAZO” AL CILINDRO – La “Guardia Imperial” dovrà aspettare almeno due settimane per mettere in scena la sua celebre “valanga“, la prima di un 2015 che inizia sotto una cattiva stella per il Racing. L’Academia gioca poco e male, perdendo in casa l’esordio contro un Rosario Central arrivato ad Avellaneda senza particolari velleità. O, almeno, questo è ciò che è sembrato dal campo. Eppure un clamoroso “blooper” di Saja ha concesso il gol vittoria di Cervi, macchia indelebile su una serata nata male e proseguita peggio. Con Milito e Bou stranamente ectoplasmici, tra le fila biancazzurre il solo Acuña ha provato più volte ad impensierire Caranta, spesso predicando nel deserto. Le cose sono cambiate un po’ nella ripresa, con l’ingresso di Brian Fernandez e Camacho – entrambi arrivati dal Defensa y Justicia – che hanno se non altro dato vèrve alla squadra di Cocca, alla resa dei conti bocciatissima. Discreto l’approccio all’incontro della Canalla, ordinata e specchio del nuovo corso tecnico targato Coudet: “Iniziare bene era fondamentale – ha detto uno che dalle parti del Cilindro ci ha anche giocato – e vincere sul campo dei campioni in carica ci stimola a fare ancora meglio nel prossimo futuro“.

CARAGLIO SCACCIA PRATTO – L’alone di mistero e pessimismo che aleggia da mesi intorno al Club Atletico Velez Sarsfield viene spazzato via nei novanta minuti di una serata umida in quel di Liniers. All’Amalfitani il Fortìn schianta 2-0 il malcapitato Aldosivi grazie ad una doppietta di Milton Caraglio, uomo squadra – oltre che ritrovato bomber – di un Velez ancora alla ricerca della propria identità. I due gol arrivano in fotocopia, di testa, su sfuriate estemporanee di una compagine ancora alla ricerca di un’identità precisa, rinforzata da alcuni tasselli interessanti nel mercato estivo, ma ancora terribilmente orfana dell’apporto di una punta totale come Pratto. “Questa sera abbiamo dimostrato che sappiamo reagire alle voci noiose – commenta il match winner nel post partita – la partenza di Lucas è senza dubbio pesante, ma non dobbiamo farne un dramma“. Intanto a sostituire il Camelo ci ha pensato lui, segnando il primo gol con un movimento di rapina su cross di Asad (male l’uscita di Campodonico) e il raddoppio prendendo il tempo ai centrali, dopo un traversone di Corréa. Per iniziare può bastare così.

  • Manuel

    Subito risultato a sorpresa…davvero difficile dire chi vincerà, anche se River e Boca sulla carta hanno qualcosa in più, e sarebbe curioso lottassero fino alla fine per il titolo, non accade da un po oramai in campionato!