Argentina – Racing, vittoria con dedica: Milito stende il Lanus

untitled (2)

Il venerdì argentino ci lascia giusto il tempo di smaltire la sbornia da Libertadores per poi proporci un match tra i più attesi del momento. A vincerlo è il Racing, che con un Diego Milito in grande spolvero regola 2-1 un discreto Lanus, fermato per la prima volta in stagione. Al “Cilindro” l’ex centravanti dell’Inter è il vero protagonista, regalando prima l’assist del vantaggio a Romero e poi – a pochi minuti dalla fine – segnando il gol della vittoria in una serata triste per il mondo calcistico albiceleste.

VITTORIA CON DEDICA – Due giorni fa è infatti venuto a mancare Roberto Perfumo, ex difensore della nazionale qualche decade fa, e incarnazione umana del prototipo argentino di calciatore; difensore ruvido ma elegante, carismatico, Perfumo era soprannominato “el Mariscál” e la sua scomparsa ha commosso l’intero continente. Il River Plate lo ha omaggiato durante il match di Libertadores, il Racing lo ha fatto nel post partita proprio tramite le parole di Milito: “E’ un giorno molto triste e voglio dedicare la vittoria a Perfumo – ha detto il numero 9 a fine gara – è stato un grande giocatore ed ha segnato un’epoca. Quando ero bambino guardavo con ammirazione i giocatori che indossavano la maglia della nazionale, e lui c’era sempre“. Capitolo campo; il Racing trova tre punti importanti, che lo rilanciano nelle zone alte della classifica in un gruppo B dove ora si attende il match del Defensa y Justicia, rivelazione della stagione. Ad aprire le marcature è Romero, servito molto bene da Milito, bravo con un piatto destro piazzato a sentenziare il portiere ospite. Nella ripresa un fraseggio stretto porta Almiron a pescare la carambola per il pari, ma Milito è in grande spolvero e all’81° chiude i giochi per la gioia di Sava: “Questa vittoria ci dà fiducia – ha detto il tecnico – ho visto lo spirito giusto“.

SFORTUNA LEPROSA – Il momento non è dei più esaltanti per il Newell’s, che dopo la batosta sul campo del Lanus si fa pareggiare dall’Atletico Rafaela al 93° di un match dominato, che però la Lepra non è stata capace di chiudere. Maxi Rodríguez porta avanti la squadra di Osella, dopo un’ora di assalto alla porta avversaria, ma nel finale un tiro innocuo di Orfano si trasforma in una traiettoria che Paz svirgola malamente, battendo il proprio portiere. “E’ un periodo che ci gira male – commenta Scocco sulle pagine di Olépurtroppo se non chiudi le partite il rischio dell’episodio contrario è dietro l’angolo“. Brevi dall’Argentina: il Sarmiento ha presentato ufficialmente Ricardo Caruso Lombardi alla stampa. L’ex allenatore di Quilmes, Argentinos e San Lorenzo dovrà portare il club di Junin alla salvezza: “Queste sfide mi hanno sempre affascinato – ha detto il vulcanico dt – ci salveremo a costo di dover lavorare 25 ore al giorno“. In casa River Plate invece si fa sempre più insistente la voce dell’addio di Barovero; a confermarlo è il suo procuratore tramite un’intervista alla ESPN, nella quale afferma che il portiere non prolungherà il contratto con la Banda perché sta valutando altre offerte. L’ipotesi Messico è sempre più realistica.