Argentina – Pochi gol e tanta noia nei posticipi: il Lanus vince, il Central no

imagesIY7F9VK1

Nella domenica argentina il Godoy Cruz ha praticamente ipotecato la qualificazione alla prossima Copa Libertadores. Ieri invece è stata la volta del Lanus, che con l’Estudiantes fermato per la seconda volta di fila si avvia a vincere la classifica della Zona 2 di un Torneo Transicion ormai agli sgoccioli. Nella partita giocata a Victoria, contro un buon Tigre, il Granate si è imposto di misura, mentre a Rosario – siamo nella Zona 1 – il Central di Coudet ha detto addio una volta per tutte ad ogni speranza di Libertadores.

DECIDE SAND – Il protagonista è sempre lui: José Sand. El Pepe, tornato al Lanus dopo averci vinto il titolo nel 2007, regala dal dischetto tre punti pesantissimi al Granate, ormai primo per distacco del gruppo B. I ragazzi di Almiron sfoderano un’altra prestazione convincente, più che per il gioco espresso, per l’organizzazione che mettono in campo ogni settimana nonostante il credo tattico iper offensivo. Soprattutto su un campo difficile come quello del Tigre, che prova a ribattere colpo su colpo soprattutto nella ripresa quando la superiorità numerica ha costretto gli ospiti ad arretrare. Al 20° del primo tempo arriva l’episodio decisivo, con Acosta atterrato in area da un difensore avversario e rigore successivo affidato a Sand. Sul finire della prima frazione il centrale paraguayo Gomez si fa cacciare per due ammonizioni in rapida sequenza, ma nella ripresa Rincon e Janson falliscono le possibili occasioni per pareggiare il match.

CROLLO A ROSARIO, PARI BANFIELD – Che canaglia… la Canalla! Distratto dagli impegni di coppa, il Rosario Central del Chacho Coudet viene battuto in casa da un ottimo Gimnasia-LP. Il gol decisivo arriva a pochi istanti dalla fine con Contín, ma in casa Central non mancano le polemiche per due episodi dubbi accaduti in area avversaria. Coudet minimizza e pensa alla Libertadores: “Dobbiamo raccogliere le energie e pensare al prossimo match” ha detto il tecnico, che per affrontare il Lobo ha lasciato fuori buona parte dei titolari. Nel sud di Buenos Aires invece il Banfield le prova tutte per battere il Sarmiento, ma le barricate del piccolo club di Junin resistono e alla fine è il Taladro a rimanere con un pugno di mosche in mano. In parità finisce anche Temperley – Atletico Tucuman: Mati Sanchez apre per la “T“, il solito Zampedri risponde per il “Tucu“.

RISULTATI E CLASSIFICA