Argentina – Lo Celso illumina Rosario, Racing a valanga sul Rafaela

untitled (18)

Sedici gol in tre partite. E’ questo il responso di un pazzo lunedì argentino, dove nei posticipi in programma non sono mancate né emozioni né – tantomeno – colpi di scena. Il Tigre, fresco di cambio tecnico, si fa rimontare tre gol dal Newell’s, mentre il Racing per la seconda trasferta di fila dilaga segnando sei gol, confermandosi il miglior attacco del torneo.

Ad incantare le platee ci pensa però Giovani Lo Celso, talento classe 1996 del Rosario Central ormai sui taccuini di molte, forse troppe società europee. Il píbe della Canalla è il migliore in campo nel match contro il Sarmiento, dove gioca un primo tempo da applausi condito da giocate da applausi come quella che manda in gol Marco Ruben. E’ del ritrovato centravanti il gol vittoria contro il Sarmiento, per un Central che ultimamente deve dosare le forze tra campionato e coppa di modo da portarsi avanti in entrambe le competizioni. Intanto è stato agganciato il primo posto nel gruppo A, dove fino a ieri primeggiava la sorpresa Godoy Cruz: “Siamo contenti per questa vittoria – ha detto Coudet – il Sarmiento ci ha messi in difficoltà. Emozioni? Per i tifosi dovrebbe essere sempre un’emozione venire a vedere la squadra“.

Di emozioni a tonnellate ne è pieno Victoria; nel barrío ovest di Buenos Aires Tigre e Newell’s mettono giù una partita da stropicciarsi gli occhi, piena di errori certo, ma decisamente appassionante. Il Matador parte fortissimo, e nel primo tempo trova tre reti in poco più di mezz’ora. ad aprire le marcature con una doppietta è il solito Janson, interessantissimo esterno di centrocampo arrivato a quote tre gol, mentre Godoy triplica il punteggio e sembra mettere il punto esclamativo sul match. E invece no, perché la Lepra nella ripresa si getta all’arrembaggio e trova il clamoroso pari; prima il giovane Mancini accorcia, poi Scocco prima serve Insua per il 3-2 e – un minuto dopo – impatta l’incontro con un assolo personale. A pochi minuti dal termine il Tigre potrebbe vincerla, ma Jorge Rodríguez fallisce il calcio di rigore decisivo, rendendo un incubo la prima in panchina dell’interíno Castro (mercoledì sarà annunciato Pedro Troglio).

A Rafaela va in scena lo show del Racing, che alla distanza esce fuori travolgendo la malcapitata Crema (peggior squadra del campionato assieme all’Argentinos), dopo un primo tempo tutto sommato equilibrato. Ai gol di Acuña e Lisandro Lopez rispende una doppietta di Anselmo, ma nella ripresa Sanchez e ancora la Licha ristabiliscono le distanze. Nel finale tocca a Bou e Pereyra andare a referto, prima dell’inutile 6-3 di Facundo Parra. “E’ una grande vittoria – ha commentato Facundo Sava, dt dell’Academianon era facile affrontare un avversario così agguerrito. Stiamo maturando e possiamo crescere ancora“.

Note a margine. Il Tigre ha esonerato Mauro German Camoranesi e mercoledì annuncerà Pedro Troglio, che a sua volta è stato allontanato dal Gimnasia-LP per far eposto ad un altro ex Tigre, Gustavo Alfaro. L’Huracan giovedì sera recupererà la partita contro l’Aldosivi, rinviata per l’incidente di Caracas. Poi, il campionato si fermerà per fare spazio alla nazionale.

RISULTATI E CLASSIFICA