ARGENTINA – Lanus, occasione sprecata. Luna dal dischetto lancia il Tigre

IMG

Poteva essere la sera del sorpasso, ma verrà ricordata come quella del rimpianto. Il Lanus perde la grande occasione per portarsi – seppur momentaneamente – in testa alla classifica della Primera Division, pareggiando in casa 3-3 contro il Godoy Cruz e – di fatto – concedendo una grande occasione al River Plate impegnato tra due giorni in casa del Newell’s. Passo in avanti del Tigre nell’altro anticipo, con la vittoria di misura sul Gimnasia LP.

SCHELOTTO RECRIMINA –Abbiamo perso un’altra opportunità per dare una scossa alla classifica“. L’analisi, lucida quanto spietata, è di Guillermo Barros Schelotto, che in una sera come un’altra nel sud della grande Buenos Aires perde l’ennesimo treno per lanciare un messaggio alle altre squadre. Il suo Lanus viene fermato da un tostissimo Godoy Cruz, squadra che la federazione ha pensato bene di mandare in campo di venerdì nonostante fosse stata impegnata nell’ultimo posticipo precedente, finito anch’esso con un pari. La partita che è venuta fuori alla Fortaleza può essere definitiva vibrante; nel finale del primo tempo, il Granate ha inflitto un doppio schiaffo al Tomba con i gol in rapida sequenza di Ayala e Silva, ma ad inizio ripresa il Tanque si è mangiato la palla del 3-0 è da lì è cominciato il black-out. Inizia così lo show ospite, con il Godoy Cruz che prima accorcia grazie al Mago Ramirez, poi pareggia con Ayovi ed infine mette la freccia grazie ad Aquino. Finita? Macchè. Le emozioni continuano quando al 68° Braghieri si fa stupidamente cacciare mettendo i suoi in difficoltà, ma pochi istanti dopo Silvio Romera trova l’ottavo gol del semestre e salva – almeno parzialmente – il Lanus.

DECIDE LUNA – E’ un calcio di rigore segnato dal Chino Luna a metà ripresa a decidere Tigre – Gimnasia LP. Per gli uomini di Alfaro è il quinto successo di fila, ma la cosa che stupisce di più è l’impatto del nuovo tecnico sulla panchina del Matador, che – nell’ultimo mese – ha inanellato la bellezza di quattro vittorie consecutive. Il Lobo invece mastica amaro, schiavo di un reparto offensivo troppo abulico per fare male all’avversario nonostante le ultime due vittorie, arrivate con giocate estemporanee.