Argentina – La riscossa delle grandi: Argentinos, Colon e San Martin promosse. Triangolare thrilling per gli ultimi due posti

IMG

Le grandi che tornano. Se il fu Julio Grondona ideò davvero la prossima riforma del calcio argentino per riportare in Primera Division tutte le nobili decadute, beh, fino ad ora la missione è compiuta. Nella serata di congedo di una serratissima B Nacional arrivano le promozioni ufficiliali di Argentinos Junior, San Martin e Colon. Un gradito ritorno per tutte e tre, ma soprattutto per il Bicho, una delle grandi d’Argentina che quest’anno ha dovuto attraversare diversi periodi bui prima di uscirne da grande squadra, con la consacrazione di ieri sera.

FESTA BICHOI miracoli non esistono. Esiste il lavoro buopno e quello meno buono, esistono l’impegno, l’umiltà e la costanza“. Nestor Gorosito sembra avere le idee chiare al termine del match pareggiato contro il Douglas Haig; lui è stato il timoniere per completare la risalita, “ma il lavoro era fatto bene anche da chi c’era prima, nel calcio si vive di momenti“. Poco male, perchè le immagini finali con Riquelme portato in trionfo fanno bene al gioco più amato del mondo; nella gara della Paternál i ragazzi del Pipo partono forte e dopo otto minuti fanno esplodere l’impianto dedicato a Diego Armando Maradona grazie ad una rete di Cristian Alvarez che certifica quanto di buono fatto dall’arrivo del tecnico dall’arrivo di un paio di mesi fa, quando il debutto contro il Boca Unidos pareva essere un viatico importante per il futuro. Un futuro che prosegue in Primera Division, anche se non è ancora certo che uno dei suoi protagonisti vestirà la maglia dell’Argentinos nei prossimi mesi. Juan Roman Riquelme, nel post partita, gela i giornalisti che lo intercettano all’uscita dallo stadio: “Dovevamo risalire. Lo abbiamo fatto. E’ presto per parlare di futuro; nel frattempo vi auguro un buon Natale e ricordatevi che io sono un grande tifoso del Boca“. Messaggi d’amore?

IMG

PROMOZIONE ED INCIDENTI – A Santa Fe ormai non fanno più notizia le scorribande delle barras locali. Dopo i vandalismi per le vie cittadini dei fans dell’Union nel post promozione, ieri sera si è nuovamente raschiato il fondo quando gli ultras del Colon, nei minuti di recupero di una partita (e con la promozione) già in ghiaccio, hanno pensato bene di non far terminare la gara che il Sabalero aveva dominato contro un Boca Unidos le quali speranze erano ridotte ad un lumicino. In campo c’è solo una squadra, quella di Reinaldo Merlo, che domina in lungo ed in largo ma solo all’80° riesce a sbloccare la contesa grazie ad una bella rete di Lucas Alario. Nel recupero succede di tutto: prima David Ramirez raddoppia, poi arriva l’invasione di centinaia di tifosi a sospendere il tutto, ed infine – quando l’arbitro riesce a far riprendere il gioco – è ancora David Ramirez a far esplodere di gioia la propria gente prima della sospensione definitiva. A San Juan invece scorre tutto liscio, perchè il San Martin è troppa roba per il pur modesto Ferro Carrill; la banda di Forestello chiude i conti nel primo con due gol nei primi venti minuti, segnati da Lopez e dal sempre ottimo Figueroa, poi nella ripresa arrotonda grazie a Milano, quando la festa è iniziata da un po’.

IMG

TRIANGOLARE DA SPAREGGIO – Nueva Chicago, Aldosivi e Gimnasia Jujuy non hanno ancora terminato la stagione. Ferme tutte e tre a quota 30 giocheranno un triangolare di spareggio, visto che nella formula del torneo non sono contemplati nè gli scontri diretti, nè la differenza reti. Nello scontro diretto di Mar del Plata, l’Aldosivi schianta 2-0 il Lobo jujueño con i gol di Carranza e Miracco, ed ora – giovedì sera – incontrerà il Verdinegro nel primo dei tre match di spareggio. Il Nueva Chicago, fermo ai box ieri, è la squadra che parte avvantaggiata: con due pareggi è promossa, e considerato il fatto che due delle tre compagini otterranno la promozione, si può affermare che gli uomini di Labruna sono artefici del proprio destino. Questa sera toccherà invece all’Huracan andare all’assalto della promozione; al Parque Patricios arriva il già in vacanza Independiente di Mendoza, e con un’eventuale vittoria il Globo festeggerebbe il ritorno in Primera Division dopo tre anni d’assenza. La squadra di Kudelka, reduce dalla vittoria in Copa Argentina, ha una grande occasione, e a suonare la carica è il Pato Toranzo: “Daremo tutto per noi e per la nostra gente. Dobbiamo farcela per tornare dove ci compete“. Una vittoria dell’Huracan costringerebbe l’Atletico Tucuman, impegnato contro il Santamarina, a vincere per agganciare lo spareggio. Ancora poche ore e sapremo.

  • http://calciosudamericano.it Marco Bernardello

    Contento per Ruben Forestello. Se lo merita. E spero salga in Primera pure l’Huracan. Pure loro in panca ne hanno uno bravo, Frank Kudelka.

  • Manuel

    Ciao, complimenti a tutte le neopromosse sono abbastanza contento, spero che si aggiungano nel gruppo A anche Nueva Chicago e Gimnasia Yuyui anche se mi è indifferente scegliere quest’ultima o l’Aldosivi,l’importante è che i neroverdi ce la facciano!

    Nel gruppo B Huracan e Atletico Tucuman hanno terminato entrambe a 29, si disputerà uno spareggio tra loro 2 da quello che ho capito…qui farò assolutamente il tifo per i primi anche perchè hanno vinto la Coppa d’Argentina(tra la sorpresa generale)e disputerà i preliminari di Copa Libertadores!!!

    Speriamo bene!!!!