Argentina – C’è San Lorenzo-Central: chi vince sogna ancora

Mas, Tevez, Ruben: fra un mese uno di loro sarà campione (Foto: Tyc Sports)

Quart’ultima di campionato, in Argentina, con un big match che può definire la lotta al titolo. Stanotte ore 23.10 italiane, San Lorenzo e Rosario Central si affrontano al Nuevo Gasometro: chi vince continua a sognare il titolo, chi perde abbandona ogni speranza. Un pareggio, invece, consegnerebbe di fatto il titolo al Boca Juniors, che esattamente 24 ore dopo ospita il Crucero del Norte, fanalino di coda di questa Primera.

Mas, Tevez, Ruben: fra un mese uno di loro sarà campione (Foto: Tyc Sports)
Mas, Tevez, Ruben: fra un mese uno di loro sarà campione (Foto: Tyc Sports)

Punti in palio pesanti in quel di Boedo. Per San Lorenzo e Central è giunta l’ultima chiamata per non lasciarsi scappare il Boca, primissimo con 58 punti. Il Ciclon insegue a quota 56, con due punti in più della squadra di Coudet, terza in classifica. Paradossalmente, una vittoria del Canalla renderebbe vivo il campionato più di un successo del San Lorenzo, visto che all’ultima giornata è in programma lo scontro diretto tra Central e Boca. Di sicuro, tra le due squadre, sono gli ospiti quelli che arrivano in un momento migliore al big match del Nuevo Gasometro: dalla sconfitta di Quilmes di un mese e mezzo fa, il Central ha vinto infatti 6 partite su 7 (unico stop: lo 0-0 nel derby col Newell’s). Diverso il periodo che sta passando il San Lorenzo, reduce da una vittoria nelle ultime quattro gare ufficiali. Il Central, però, non vince a Boedo da dieci anni. Era il Clausura 2005, e in campo c’era già Marco Ruben, che, con 18 reti, è l’attuale leader della classifica cannonieri argentina. Sabato sarà sfida tra bomber con l’uruguagio Martin Cauteruccio. I sogni di gloria di cuervos e canallas passano soprattutto da loro.

Probabile che dalle parti della Boca sabato si farà il tifo per un pareggio. Uscisse un X dalla gara del Nuevo Gasometro, per Tevez e compagni la gara con il Crucero del Norte rappresenterebbe un match point per la vittoria finale. Il testacoda della Bombonera dovrebbe comunque regalare ben poche sorprese: quarantaquattro punti e ventinove posizioni in classifica separano infatti il Boca dal Crucero, di cui oramai si attende solo la matematica certezza a sancire una retrocessione annunciata. Nonostante le recenti stoccate di Riquelme (“Una Libertadores vale dieci campionati”), l’ambiente in casa Boca è dei migliori: ieri si sono rivisti all’opera anche Meli e Pablo Perez, i cui recuperi sono fondamentali per le ultime (e non semplicissime) sfide di campionato. Tre dei nove punti che separano il Boca dal titolo dovrebbero dunque arrivare domenica. Poi ci sarà la gara sul campo del Racing, in cui scopriremo se gli Xeneizes chiuderanno i giochi o se per la lotta al titolo c’è vita oltre il Boca.

Sfida di grande fascino ad Avellaneda: in Italia sarà già lunedì quando Independiente e River Plate torneranno ad affrontarsi al Libertadores de America. Entrambe le squadre sono reduci da due battaglie nei quarti di Copa Sudamericana (potrebbero incontrarsi in finale), che non hanno risparmiato feriti: il Rojo deve fare i conti con la rottura del legamento crociato anteriore e del menisco di Lucas Albertengo (starà fuori sei mesi); meno grave, invece, l’infortunio di Alario, che però rischia di saltare il Mondiale per Club. L’unica nota lieta in casa River arriva dunque da Carlos Sanchez, presente nella lista dei 59 candidati per il prossimo Pallone d’Oro. E’ anche il weekend del clasico di Santa Fe: Union e Colon tornano ad affrontarsi tre settimane dopo lo 0-0 dell’andata. Vigilia difficile soprattutto in casa Colon: sul muro del palazzo dove risiede il direttore generale Sergio Villanueva è stata infatti trovata scritta la poco rassicurante frase “clasico o balas (pallottole)”. Chiude il programma, nella notte tra lunedì e martedì, la sfida dal sapore di Libertadores tra Banfield e Racing. L’Academia, in settimana, ha concluso e vinto 1-2 la gara sul campo del Godoy Cruz, sospesa due mesi fa. Il Banfield viene invece dalla ripassata patita alla Bombonera (3-0 senza storia), ma vuole riprendersi in fretta: un posto nella Liguilla per la Libertadores è ancora lì a pochi punti.

SCOMMETTI GRATIS SUL CAMPIONATO ARGENTINO CON I NOSTRI PRONOSTICI