Argentina, la serata dei pareggi: River sprecone, Boca rimontato a Santa Fe

IMG

Equilibrio ed occasioni sprecate. E’ una domenica ricchissima di pareggi quella che va in archivio alle latitudini argentine, dove su sei incontri disputati tra la prima serata italiana e la notte, si è assistito a ben cinque partite terminate con il pari. Tra queste, anche le scialbe prove di River Plate e Boca Juniors, bloccati rispettivamente dalle due compagini santafesìne. Sugli altri campi vince solo il Defensa y Justicia, che regola 1-0 il Banfield, mentre il Velez non riesce ad andare oltre all’1-1 contro il Sarmiento. A reti bianche il match di San Juan e l’incrocio tra vecchi amici Lanus – Arsenal.

RIVER, CHE COMBINI? – Che il River Plate non sia in un buon momento non ce lo dice di certo la partita contro l’Union. Che, d’altro canto, rappresentava una buona occasione per reagire e ripartire. Invece il Monumental dovrà ancora attendere per vedere i propri beniamini vincere, dato che nel 2015 i Millonarios hanno collezionato i tre punti solo in trasferta. In mezzo tante magre figure, tra le quali la sconfitta di Oruro contro il San José e il seguente pari casalingo contro i Tigres. Insomma, Gallardo ha di che preoccuparsi. Anche perchè la Banda non riesce a vincere nemmeno le partite già archiviate come quella di ieri sera, dove dopo un buon primo tempo ed il parziale di 2-0, il River rovina tutto con le solite amnesie difensive miste ad errori individuali che regalano un insperato 2-2 al Tatengue. Con parecchie seconde linee titolari (c’è infatti da preparare la sfida con il Juan Aurich di Libertadores) i ragazzi di Gallardo partono forte e piazzano l’uno-due con Cavenaghi e Driussi, ma nella ripresa riescono a subire l’1-2 clamorosamente in contropiede con Gamba che fredda Barovero. La rete del pari è ancora più comica, e traccia l’esatto momento che sta vivendo il River: Malcorra calcia un’innocua punizione a rientrare e Barovero – sì, la saracinesca – si fa saltare dalla palla schiantandosi contro il palo. Alla fine piovono alcuni fischi, e ci sta, come conferma il Muñeco: “Purtroppo la partita l’abbiamo buttata via – è il commento di Gallardo – dobbiamo raccogliere le idee e cambiare passo“.

BOCA RIMONTATO – Se Sparta piange, Atene di certo non ride. Intendiamoci, pareggiare su un campo difficile come il “Cementerio” ci sta, soprattutto se ad attenderti c’è la coppa e la testa – inevitabilmente – è già più in la di Santa Fe. Ma il Boca Juniors fa un passo indietro sotto il punto di vista del gioco, perchè dopo un’ora quasi dominata, in cui arriva il meritato vantaggio del “burrìto” Martinez, gli Xeneizes mollano la presa e regalano fiducia al Colon, bravo a salire d’intensità alla ricerca del pari. Che, puntualmente, arriva con una sassata stupenda da fuori area di Guanca. Al di là del pareggio in sè, c’è da rivedere la prestazione dei singoli; Lodeiro, schierato mezzala, non ha fatto benissimo trovando l’acuto quando l’arbitro gli sventola davanti il cartellino giallo. Lo stesso vale per Calleri e Palacios, decisamente più spenti. Ma Arruabarrena soffia sul fuoco: “E’ un periodo dove giochiamo sempre, non possiamo essere al massimo ogni tre giorni“. Intanto si profila la titolarità in coppa per Pablo Osvaldo, entrato solo nella ripresa a Santa Fe.

LE ALTRE GARE –Due punti buttati“. E’ questo il commento di Miguel Angel Russo sull’1-1 oltre al quale il suo Velez non è saputo andare, contro un onesto – ma molto più debole – Sarmiento. Che la serata non fosse tra le più fortunate però si è capito dal gol incassato, nato da una palombella che rientra in campo dopo aver sbattuto sulla parte superiore della traversa, sulla quale Cuevas (quarto gol in quattro presenze) può tranquillamente ribattere in rete. Meno male che il Tanque Pavone poco dopo trova la via del pari, ma il rammarico resta. Pari e noia a San Juan, dove l’Argentinos strappa un buon punto al San Martin, così come non si corrono brividi alla Fortaleza di Lanus, nella quale il Granate e l’Arsenal non si fanno male. Molto bella la scena finale, con l’abbraccio tra i due amici di lungo corso Palermo e Barros Schelotto: reminescenze di Boca. A sorridere è solo il Defensa y Justicia; un gol di Sanchez Sotelo abbatte le resistenze del Banfield, squadra già pitturata con le sembianze di eterna incompiuta. Il Taladro di Almeyda è un progetto affascinante da centrocampo in su, ma le forse troppe frecce offensive non permettono alla manovra di svilupparsi adeguatamente. Il Pelado dovrà lavorare sodo, perchè la squadra c’è.

RISULTATI 4° TURNO
FT Huracan 1 – 1 Gimnasia LP
FT Atletico Rafaela 1 – 1 Racing Club
FT Nueva Chicago 0 – 2 Godoy Cruz
FT Olimpo 1 – 3 Rosario Central
FT Aldosivi 1 – 1 Quilmes
FT Independiente 1 – 2 Belgrano
FT Newells Old Boys 2 – 0 Crucero del Norte
FT Defensa y Justicia 1 – 0 Banfield
FT Lanus 0 – 0 Arsenal Sarandi
FT Velez Sarsfield 1 – 1 Sarmiento
FT River Plate 2 – 2 Union
FT San Martin San Juan 0 – 0 Argentinos Juniors
FT Colon 1 – 1 Boca Juniors

STASERA: Temperley – Tigre; Estudiantes – San Lorenzo

CLASSIFICA

1 Rosario Central 12
2 Boca Juniors 10
3 Estudiantes 9
4 River Plate 8
5 Velez Sarsfield 8
6 Argentinos Juniors 8
7 Belgrano 7
7 Godoy Cruz 7
9 Newells Old Boys 7
10 Independiente 7
11 San Lorenzo 6
12 Union 6
13 San Martin San Juan 6
14 Lanus 6
15 Defensa y Justicia 6
16 Racing Club 5
17 Banfield 4
18 Tigre 4
19 Huracan 4
20 Colon 3
20 Temperley 3
22 Sarmiento 3
23 Quilmes 2
24 Arsenal Sarandi 2
25 Aldosivi 2
25 Gimnasia LP 2
27 Nueva Chicago 2
28 Crucero del Norte 1
29 Olimpo 1
30 Atletico Rafaela 1

 
  • Millonario 89

    Odio dover fare il precisino, ma ieri a difendere la porta del River c’era Chiarini al posto di Barovero :-))

    D’accordo sul resto, il River non sta passando un bel momento anche se ieri si sono visti sprazzi di bel gioco con Driussi e Mayada che hanno dimostrato di essere delle alternative più che valide, purtroppo la scarsa precisione in zona-gol ha fatto la differenza.
    Speriamo sia solo un periodo no, ora sotto con la Libertadores perchè li non si può più sbagliare.